Appunti di Android: Testing
Questo articolo fa parte della collezione Appunti di Android, utili per il corso d'Informatica di Mobile Programming.

Appunti di Android: Testing

È possibile effettuare il testing delle proprie applicazioni su un emulatore o un device Android reale.

Il numero di smartphones sul mercato è esorbitante e in veloce crescita. Cionondimeno ogni dispositivo tende ad avere delle proprie specifiche e decidere su quali di questi fare il testing può essere una sfida.

L’ideale sarebbe supportare quanti più dispositivi possibili. Comprandone in gran numero si può vedere come funzioni la propria applicazione in condizioni reali, ma è sicuramente più dispendioso rispetto all’utilizzo dell’emulatore.

L’emulatore non permettere di vedere come funzioni effettivamente la propria applicazione su telefoni reali, ma garantisce test economici.

Quando si sviluppa su un dispositivo, bisogna tenere a mente che si dovrebbe comunque utilizzare l’emulatore per testare la propria applicazione su configurazioni che non sono equivalenti a quelle dei dispositivi reali che si hanno a disposizione. Sebbene l’emulatore non permetta il test di tutte le caratteristiche, si può comunque verificare che la propria applicazione funzioni correttamente su diverse versioni della piattaforma Android e su schermi di grandezza e orientamento differente.

Un mix tra testing su dispositivo reale e su emulatore può garantire un buon test coverage ad un prezzo ragionevole.

1 November 2015